Caccia al teshorror e zucca contest!!!

Sabato 29 ottobre, a partire dalle 15 fino alle 22, potrai partecipare, insieme ai tuoi amici, a un divertente quiz a premi a sfondo horror che si svolgerà a Varese, lungo tutta via Carrobbio.

Contemporaneamente, qui in negozio, potrai portarci la tua zucca di Halloween: le migliori verranno premiate ed esposte in vetrina!

Regolamento della caccia al teshorror:

quiz-halloween

Il mondo sta per essere invaso dagli zombie: chi riuscirà a trovare un antidoto al virus letale che sta eliminando l’umanità?

Tu e la tua squadra di sopravvissuti dovrete risolvere gli enigmi disseminati nei quattro punti strategici di via Carrobbio.

  1. Rosso Espresso: Assaggia il virus cocktail e indovina l’ingrediente segreto.
  2. 7Lakes Tatoo: risolvi l’enigma visivo sovrapponendo i disegni sui fogli di acetato per trovare il secondo ingrediente.
  3. Crazy Comics: trova l’ingrediente successivo nascosto all’interno di un fumetto.
  4. Falò Caffè: fatti preparare il cocktail antidoto e testa la sua efficacia.
  5. ComicArte Varese: se il tuo antidoto funziona, potrai aprire la cassaforte situata in saletta e ricevere così i premi messi a disposizione dagli organizzatori.

zucca-contest

 

Prima di rinnovarti l’invito a partecipare e a diffondere questo messaggio attraverso la condivisione via social, ti lasciamo leggere il documento da noi rinvenuto che ci ha spinto a promuovere questa inziativa nella speranza di salvare la razza umana (grazie mille Matt Serrago) 😀

Messaggio Emesso da: Centro Sopravvivenza del Centro Europa.

Caro Shawn,

Se stai leggendo questa mia, è perché ora mi trovo in un posto migliore.

Ho imposto che, per volontà testamentarie, questa lettera ti fosse inviata il giorno seguente la mia dipartita.

Come già sai, in questo ultimo anno ho trascorso gran parte del mio tempo immerso negli studi del virus H3. Gli esperimenti portati avanti nei primi nove mesi sono stati inconcludenti, ma credo d’aver trovato qualcosa nelle ultime sperimentazioni.

Tutte le cavie animali contagiate dal virus e analizzate prima dell’autunno sono risultate immuni ai principi curativi del siero 25, ma in seguito, nei primi test di Ottobre, sono finalmente riuscito a ottenere un risultato positivo.

Ho aggiunto al siero 25 una minima percentuale del catalizzatore di crescita su cui avevamo lavorato nei primi anni di studio congiunto e ho sottoposto la nuova soluzione alle stesse cavie analizzate in passato.

Shawn, funziona! Il virus H3 sta regredendo e il nuovo siero, il numero 26, procede incontrastato nell’attacco delle cellule virali. Forse siamo pronti per la sperimentazione umana, ma non credo di poterlo ancora affermare con certezza.

Oggi proverò a catturare un esemplare umano contagiato sperando di poterti incontrare in seguito e confermarti la fine di questo incubo.

So che probabilmente, ora come ora, leggendo questa mia breve e disperata lettera, mi starai giudicando come un pazzo, ma dobbiamo guardare in faccia la realtà amico mio.

Sono passati ormai due anni dal primo episodio di follia indotta. Il virus ha ormai contagiato gran parte dell’Europa occidentale e, da quanto mi dicono, gli altri continenti non se la passano meglio.

Le città sono deserte, le nostre comunità restano chiuse nelle riserve armate e i soldati, col tempo, elimineranno chiunque sia stato esposto al virus. Di questo passo potremmo restare in poche decine di migliaia su tutto il pianeta e non voglio avere salva la vita sapendo che, forse, avrei potuto

cambiare le cose. Non voglio uccidere chi è stato contagiato; voglio curarlo.

Oggi uscirò dalla riserva e cercherò di catturare per mio conto un esemplare di maschio umano entrato in contatto con l’H3 e, se tutto andrà bene, avrò modo di sottoporlo al siero 26.

Sono fiducioso Shawn. Credo che il 26 possa funzionare sull’uomo così come ha funzionato sulle cavie animali, ma devo esserne certo.

I militari non prenderebbero neanche in considerazione l’opzione di catturare un contagiato per testare l’antidoto. Ai loro occhi è già tutto deciso e la morte è l’unica cura. Uccideranno chiunque mostri i sintomi della follia indotta, a meno che io non riesca a dimostrare la validità del siero.

Se non dovessi mai tornare da questa mia uscita oltre la riserva, ti prego, perdonami e cerca di comprendere le mie scelte.

Il siero resterà dove nascondo quel che ho di più prezioso al mondo.

Ti prego, abbi fiducia in me, e qualora io dovessi fallire, continua sulla mia strada. Credi nel siero.

Cattura un umano ed effettua il test. Forse, che il cielo ci assista, abbiamo una cura.

Un abbraccio,

Max.

 

Ti è piaciuto? Condividi!

About Simone Lucchina

Faccio social-cose e vendo pan per focaccia. Sono spiritoso e utile all'umanità. La sorte è con te se la mano ti do!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *